lunedì 27 gennaio 2014

La Trilogia della Vendetta: Lady Vendetta - Sympathy for Lady Vengeance

Lady Vendetta

★★★★

Lee Gneum-ja (Lee Young Ae) a vent'anni viene accusata del rapimento e uccisione di un bambino, crimine che lei stessa confessa dopo essere stata ricattata dal vero rapitore. Dopo aver scontato tredici anni di carcere comportandosi come una santa, sempre disponibile ad aiutare le donne rinchiuse con lei, esce di prigione e allontana il prete che l'aveva sostenuta con un "Vada a farsi fottere" e mostrando il suo lato più oscuro decide di attuare il suo piano di vendetta, andando a riscattare i favori dalle persone che aveva aiutato, al fine di rendere giustizia alle numerose vittime dell'uomo che l'aveva ricattata.


La Trilogia della Vendetta è ora completa. Park Chan-wook voleva riconciliarsi con se stesso, non riusciva a dormire sonni tranquilli pensando alla spirale di odio e violenza e rabbia contenuta in Old Boy e da qui è nato Lady Vendetta, lo spietato e delicato ritratto di una donna che espone la vendetta come azione etica e moralmente giusta soprattutto in una delle scene più incredibili del film in qui il regista inquadra tutte le versioni dell'odio, della sete di giustizia personale, con un tocco grottesco dal tono delicatamente ironico.



La parola d'ordine del film è delicato. Se Old Boy è volutamente e spietatamente violento, Lady Vendetta è un film dalla violenza delicata, quasi fragile, che parte dal rifiuto della purezza della dolce Gneum-ja che usa l'ombretto rosso perché la fa sembrare cattiva, che ritrova sua figlia adottata durante la sua carcerazione da una famiglia australiana, e che sogna il momento in cui sparerà con la sua pistola antica all'uomo che le ha distrutto la vita: Mr. Baek.



Mr. Baek, interpretato tra l'altro da Choi Min-sik, sembra la continuazione del personaggio protagonista di Old Boy: una bestia che sopperisce alla noia rapendo e uccidendo bambini di persone facoltose e che durante la cena si alza, si avvicina a sua moglie intenta a mangiare, le alza le sottane e consuma un rapporto sessuale disinteressato e animalesco, mentre lei le comunica faccende di natura domestica. 


Se foste in una stanza da soli con l'assassino di vostro figlio legato a una sedia, lo uccidereste o lo consegnereste alle autorità competenti? Il film ci pone di fronte a questo interrogativo lasciandoci libertà di pensiero, spingendoci in nessuna direzione, ma mostrandoci imparzialmente le soluzione del problema. Per quanto Old Boy sia un capolavoro, Lady Vendetta è un pelino del naso sopra: la splendida e commovente scena finale ci offre un orizzonte bianco di speranza, una vita nuova che cresce dalla neve caduta. 


Qui di seguito la scheda film (fonte Wikipedia): 

Titolo originale: 친절한 금자씨
Chinjeolhan geumjassi
Paese di produzione: Corea del Sud
Anno: 2005
Durata: 112 min
Generedrammatico, thriller
Regia: Park Chan-wook
Soggetto: Park Chan-wook
Sceneggiatura: Jeong Seo-Gyeong, Park Chan-wook
Fotografia: Chung Chung-Hoon
Montaggio: Kim Jae-Beom, Kim Sang-Beom
Effetti speciali: Kim Gwan-Su
Musiche: Cho Young-Wuk
Scenografia: Cho Hwa-Sung

Interpreti e personaggi: 
Lee Young Ae: Lee Geum-ja
Choi Min-sik: Mr. Baek
Lee Seung-Shin: Park Yi-jeong
Go Su-hee: Ma-nyeo
Kim Byeong-ok: prete
Kim Bu-seon: Woo So-young
Nam Il-woo: Ispettore Choi
Kim Shi-hoo: Geun-shik
Kang Hye-jeong: Annunciatrice TV

Doppiatori italiani:
Domitilla D'Amico: Lee Geum-ja
Roberto Draghetti: Mr. Baek
Andrea Mete: Geun-shik

Denny B. 

6 commenti:

  1. Amo questo film. Della "trilogia" rimane il mio preferito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi d'accordo. Il mio preferito dei tre.

      Elimina
  2. Troppo estetizzante, forse, rispetto agli altri due, ma sempre un grandissimo film.
    Questione morale non da poco, tra l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una raffinata opera d'arte che ti sbatte in faccia senza mezzi termini una questione morale mai del tutto esaurita.

      Elimina
  3. Riuscirò a vederlo anche io prima o poi! ç_ç

    RispondiElimina
  4. Film immenso, ma il mio preferito rimane "Oldboy". Ma alla fine sono ambedue dei film immensi dal valore artistico inestimabile, ugualmente belli nel loro essere totalmente diversi.
    E Park Chan-wook deve essere molto malato.

    RispondiElimina