martedì 29 luglio 2014

Twixt (2011)

Twixt 


★★★

Hall Baltimore (Val Kilmer) è uno scrittore di romanzi horror la cui carriera è in lento declino che durante il tour promozionale del suo ultimo libro giunge in una piccola cittadina della California, Swann Valley, dove lo sceriffo locale Bobby LaGrange (Bruce Dern) gli narra di una serie di omicidi che da anni accadono in paese e gli mostra il cadavere di una ragazza uccisa con un paletto di legno conficcato nel cuore, stesso modus operandi di un serial killer menzionato nei precedenti racconti, e propone ad Hall di scrivere un romanzo insieme dal titolo Esecuzioni di un vampiro. Dapprima riluttante Hall accetta e comincia a indagare per conto suo quando una notte si addentra in un bosco dove fa la conoscenza di una ragazza di dodici anni, Virginia, grande ammiratrice dei suoi libri. La ragazza è reale o è uno spettro?



Quando si parla di un film di Francis Ford Coppola bisogna andare con le dita di piombo. Chiunque deve andarci piano perché il piombo delle mie dita potrebbe lacerare carni e tessuti adiposi oltre a cervelli usati troppo e troppo poco. Francis o conosciuto anche come "Il Vegliardo" è tornato nel 2011 con Twixt, un horror/thriller distribuito in due sale in croce a seguito di una pubblicità quasi inesistente neanche distribuito in dvd (almeno in Italia) e massacrato letteralmente da critica e pubblico. Incompetente la prima e cane il secondo? Scopriamolo. 



Una rauca voce fuori campo ci mostra scorci della piccola cittadina di Swann Valley inquadrati senza un'imprecisione. Nel Chickering Hotel, dove alloggiò il famoso scrittore Edgar Allan Poe, accadde un violento omicidio che la gente si vergogna anche solo a pronunciare. La gente del posto è solitaria tanto che non vedremo nessuno passeggiare lungo i bordi della strada o bere una birra in un bar. L'alta torre dell'orologio è dotata di diversi quadranti di cui nessuno segna l'ora esatta. Hall Baltimore entra in paese perché è una tappa del tour promozionale per il suo ultimo libro di stregoneria. In una ferramenta (la libreria non c'è), dietro un tavolo scalcagnato pieno di libri che rimarranno invenduti, fa la conoscenza dello sceriffo Bobby LaGrange, un vecchio claudicante che asfissia lo scrittore chiedendogli di leggere le proprie storie dell'orrore fino a mostrargli all'obitorio il cadavere di una giovane ragazza uccisa con un paletto nel cuore. Una vampira? 



Se la materia vampirica viene toccata da Coppola siamo protetti da una eventuale trashata, d'altronde il suo Dracula è uno dei migliori film sui vampiri. Ma siamo fuori strada: Twixt non è un film horror nella classica accezione del termine. Non ispira paura né vuole ispirarne. Si limita a narrare il dramma di un uomo che ha perso sua figlia in un incidente in barca (avvenimento accaduto realmente nella vita del regista con il suo primogenito) immergendolo in una fotografia in B/N in contrasto quasi azzurrognolo così da risaltare la luce (quella del lume di Edgar Allan Poe) e i colori (il rosso del sangue e il bianco virgineo della pelle dei bambini) dando il senso di star assistendo a un racconto come spettatore interessato però soltanto alla fine. La fine del romanzo di Hall. O del suo tormento interiore. Chi ha ucciso la ragazza?


Coppola ha ancora voglia di sperimentare e questo è tutto di guadagnato. Non si siede sopra i numerosi premi vinti grazie a capolavori intramontabili, ma prova inquadrature, gioca con la fotografia, e torna con un film intimo, stilisticamente glaciale, che non sarà riuscitissimo, ma che dal mio modesto modo di vedere fa sorgere un pensiero: un regista quale Francis Ford Coppola non riposa inattivo in un eremo ed è ancora uno dei tre grandi registi (assieme a Scorsese e De Palma) che è in grado, in qualsiasi momento, di regalarsi e regalarci l'ennesimo capolavoro. Quindi occhio alla coppola.

Qui di seguito la scheda film (fonte Wikipedia):

Titolo originale: Twixt
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2011
Durata: 90 min
Genereorrore, thriller
Regia: Francis Ford Coppola
Soggetto: Francis Ford Coppola
Sceneggiatura: Francis Ford Coppola
Produttore: Francis Ford Coppola
Produttore esecutivo: Anahid Nazarian, Fred Roos
Casa di produzione: American Zoetrope
Distribuzione (Italia): Movies Inspired
Fotografia: Mihai Malaimare Jr.
Montaggio: Kevin Bailey, Glen Scantlebury, Robert Schafer
Musiche: Dan Deacon, Osvaldo Golijov
Scenografia: Jimmy DiMarcellis
Costumi: Marjorie Bowers

Interpreti e personaggi:
Val Kilmer: Hall Baltimore
Bruce Dern: Bobby LaGrange
Ben Chaplin: Edgar Allan Poe
Elle Fanning: V
Joanne Whalley: Denise
David Paymer: Sam Malkin
Alden Ehrenreich: Flamingo
Anthony Fusco: pastore Allan Floyd
Don Novello: Melvin
Ryan Simpkins: Carolyne
Lucas Rice Jordan: P.J.
Bruce A. Miroglio: agente Arbus

Doppiatori originali:

Tom Waits: narratore

Denny B.

6 commenti:

  1. L'ho visto un paio di anni fa e l'ho trovato davvero carinissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur coi suoi difetti a me è piaciuto.

      Elimina
  2. a me ha solo fatto tanto incazzare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poteva essere senza dubbio migliore, ma non è manco una ciofeca: è un buon film diretto da uno dei più grandi in assoluto.

      Elimina
  3. Piaciuto davvero poco. Con un incomprensibile uso del 3D di cui non si sentiva affatto il bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, il 3D era ignorabile.

      Elimina