martedì 30 aprile 2013

A proposito di Jack

A proposito di Schmidt

Fonte foto: terrafilm.tv
Jack ha perso il suo smalto, il suo tocco magico, i suoi occhi mefistofelici si sono annebbiati, peccato. Poi nel 2007 Jack ritorna e ci regala una bellissima interpretazione di Frank Costello in The Departed di Scorsese, dimostrandoci che non è ancora per niente da rottamare, che anzi è ancora una furente Ferrari. In questo film del 2002 Jack sembra veramente alla frutta, per fortuna che ha deciso di ordinare ancora qualche specialità della casa, e il tempo della frutta e del caffé è ancora lontano - e meno male.

Jack è diventato un fervente cattolico: "Oh, Dio ti prego fa che
la Lawrence venga a letto con me."
Il protagonista di questo film è Warren Schmidt (Jack Nicholson) un funzionario di un'impresa assicurativa a Omaha, in pensione da poco, intraprende una fitta corrispondenza a senso unico con un bambino di sei anni della Tanzania. Oltre la pensione, che lo rattrista, sua moglie muore mentre svolge le faccende di casa e rimasto vedovo, con una figlia che sta per sposare un uomo non alla sua altezza, intraprende un viaggio nei luoghi della sua infanzia fino ad arrivare a Denver alla viglia del matrimonio della figlia, dove incontra la madre (Kathy Bates) squinternata del suo futuro genero.

"Emm scusa Dio, ma questa non mi pare sia la Lawrence. Ah, è sua
mamma?! Cavolo non ho specificato nella preghiera quale Lawrence
volevo che venisse a letto con me. Che stupido!"
A proposito di Schmidt sembra un misto di Vita da camper, Beginners, Qualcosa è cambiato e Ti presento i miei e altri pezzi di pellicole varie. Non decolla mai. Scorre in modo noioso per 120 minuti. I personaggi non sono per nulla carismatici o interessanti. La madre del futuro genero di Warren è praticamente lo stesso personaggio della madre di Ben Stiller nella trilogia di Ti presento i miei, il ferramenta e l'idraulico. Non un dialogo è decente, interessante o appassionante, come lo sono invece i titoli di coda. La sceneggiatura è piena di luoghi comuni (ha pure vinto il Golden Globe!!). E per le loro interpretazioni Jack Nicholson (vincitore del Golden Globe) e Kathy Bates hanno ricevuto due nomination agli Oscar - tanto per riempire la cinquina mi sa. 

"Denny B. io ti spacco la faccia, sai?"
E' un film che non mi ha lasciato nulla, scusate, ma non ho più voglia di parlarne.

Qui di seguito la scheda film (fonte Wikipedia):


Titolo originale: About Schmidt
Lingua originale: Inglese
Paese di produzione: USA
Anno: 2002
Durata: 124 min
Generecommedia drammatica
Regia: Alexander Payne
Soggetto: Louis Begley
Sceneggiatura: Alexander Payne, Jim Taylor
Produttore: Michael Besman, Harry Gittes
Produttore esecutivo: Bill Badalato, Rachael Horowitz
Casa di produzione: New Line Cinema, Avery Pix
Distribuzione (Italia): Nexo 2003
Fotografia: James Glennon
Montaggio: Kevin Tent
Musiche: Rolfe Kent, Eric Satie
Scenografia: Jane Ann Stewart
Costumi: Wendy Chuck
Trucco: Danielle Cunningham, Carrie Angland, Angie Paul, Emjay Olson, Joy Zapata, Jeanne Van Phue, Stacy Heatherly, Lisa Brockman-Kalz

Interpreti e personaggi:
Jack Nicholson: Warren Schmidt
Hope Davis: Jeannie Schmidt
Kathy Bates: Roberta Hertzel
Dermot Mulroney: Randall Hertzel
June Squibb: Helen Schmidt
Howard Hesseman: Larry Hertzel
Connie Ray: Vicki Rusk
Harry Groener: John Rusk
Len Cariou: Ray Nichols
Mark Venhuizen: Duncan Hertzel
James Crawley: Dave Godberson
Tung Ha: Phil Choi
Cheryl Hamada: Saudra
Steve Heller: Ken
Chris Huse: Chuck Woodard
Phil Reeves: Ministro di Denver
Matt Winston: Gary Nordin
Angela Lansbury: se stessa (voce)

Doppiatori italiani:
Michele Gammino: Warren Schmidt
Eleonora De Angelis: Jeannie Schmidt
Rita Savagnone: Roberta Hertzel
Simone Mori: Randall Hertzel
Angiolina Quinterno: Helen Schmidt
Sandro Iovino: Howard Hesseman
Alina Moradei: Angela Lansbury (se stessa)

Denny B.












4 commenti:

  1. Accidenti se l'hai segato!! Io ti dico che:
    1 - mi è piaciuto (forse l'ho apprezzato di più perché ho visto prima questo e poi "Qualcosa è cambiato")
    2 - MAI, e ripeto MAI criticare Kathy Bates
    3 - Difficilissimo riconoscere Dermot Mulroney in questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una fan di Kathy Bates, presumo :)
      Ma perché Mulroney c'era nel film???

      Elimina
  2. ti dirò, a me il film piacque parecchio. Non lo vedo da alcuni annetti, ma lo ricordo come una visione leggera e ben calibrata, con un paio di riflessioni interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato un cumulo di banalità XD

      Elimina