venerdì 9 agosto 2013

Zack & Miri make a porno. Problemi?

Zack & Miri Make a Porno

★★★

"Il porno è fatto di questo: fantasie!" 
(Zack)

L'italia è un paese di bigottoni crocerossine ipocriti che appena arriva alle loro orecchie bucate la parola "porno" si rifugiano come scoiattoli impauriti sulla rosea cucuzzola dei falli ben dritti che si menano energicamente in segreto quando le mogli sono impegnate nei corsi d'aerobica o di cucina molecolare di stocazzo che esplode in tutta la sua fluida libertà nell'attimo stesso in cui il video porno sta per finire in urli e gemiti animaleschi da parte dell'attrice di turno. Credo sia questa la spiegazione per cui il titolo originale del film sia stato tradotto con Zack & Miri - Amore a... primo sesso: il sesso va benissimo - se è eterosessuale, ché sapete abbiamo ancora la "libera Chiesa in libero Stato" -, ma il porno no no per carità di Dio è peccato, è una cosa immonda, spazzatura, avvilimento corporale, una vergogna per qualunque paese che si dichiari civile. Come se nessuno abbia mai visto un porno in vita sua. Ma finiamola con questa ipocrisia da piccolo borghese timorato di Dio e delle sue stesse pulsazioni sessuali. Finiamola. E guardiamoci Zake & Miri Make a Porno senza farci tante seghe mentali.


"Va beh che non sono sta gran gnocca, ma guardami qualche
volta, uomo barbuto."
Zack (Seth Rogen) e Miri (Elizabeth Banks) sono una coppia di amici che hanno un rapporto speciale, di assoluta complicità, schietto, che dura fin dai tempi del liceo, e condividono uno squallido appartamento, nonché alcuni debiti. Una sera - rientrati da una rimpatriata tra vecchi compagni di liceo, dove hanno rivisto Bobby Long (Brandon Routh), il ragazzo ai tempi più invidiato dai maschi e più corteggiato dalle femmine, diventato nel frattempo il compagno di un attore porno gay californiano - scoprono che il loro padrone di casa ha staccato loro la luce, oltre che l'acqua, e a Zack viene un'idea per risollevare le loro sorti economiche: girare un porno amatoriale. Miri, prima riluttante, accetta, e hanno inizio i casting per trovare gli attori che reciteranno nel loro primo film porno.


"Lei vorrebbe fare un culo così a Spielberg? Assunto."
Kevin Smith, con la sua irriverenza, il suo humour, il suo anti-politically-correct, la sua visione del sesso in tutte le forme in cui si può esplicare, compie un'azione talentuosa: far risaltare l'amore tra due persone timide, che hanno paura di dichiararsi l'un l'altra, messe all'interno di un contesto pornografico. In mezzo alla pornografia, volgare, estrema, fantastica (perché il porno è questo: fantasia) l'amore, tra Zak e Miri, si riconosce: limpido, intenso, autentico, disinibito (per quanto riguarda il sesso al di là di loro due), bello, insomma. Il loro rapporto è speciale e divertente (molto bravi i due attori principali, hanno un feeling molto particolare).


"E-e-ehi. Finalmente ci ha citati."
Si gettano in questo insolito progetto con anima e corpo. Riflettono a lungo sul titolo del loro film, mentre Zack le lava i capelli nel lavandino del bar, e sono sempre più incuriositi da questo mondo che aprono con le loro stesse mani: da quello che fa Bubbles (interpretata da Traci Lords, ex pornostar) ai provini (vi preservo la sorpresa, ma il suo nome dice tutto), o di come pochissime ragazze siano disposte al rapporto anale, pagante, tranne la svampita e stupida Stacey (Katie Morgan, pornostar). Ma sono anche eccitati e il divertimento non è escluso dalla realizzazione del film, il regista è Kevin Smith, sa far ridere, (non come in Clerks, purtroppo), tira fuori delle cose che ti fa strabuzzare gli occhi e aprire le orecchie come Dumbo. Il Timone Olandese. Ne vogliamo parlare? No, guardatevi il film e scopritelo.


"Eeee stop! Andiamo tutti a farci due spaghi. Gireremo le
prossime recensioni domani."
Qui di seguito la scheda film (fonte Wikipedia):

Titolo originale: Zack and Miri Make a Porno
Paese di produzione: USA
Anno: 2008
Durata: 102 min
Generecommedia romantica
Regia: Kevin Smith
Soggetto: Kevin Smith
Sceneggiatura: Kevin Smith
Produttore: Scott Mosier
Produttore esecutivo: Carla Gardini, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Distribuzione (Italia): M2 Pictures Italia
Fotografia: David Klein
Montaggio: Kevin Smith
Musiche: James L. Venable
Scenografia: Robert Holtzman

Interpreti e personaggi:
Seth Rogen: Zack Brown
Elizabeth Banks: Miriam "Miri" Linky
Craig Robinson: Delaney
Jason Mewes: Lester
Jeff Anderson: Deacon
Katie Morgan: Stacey
Traci Lords: Bubbles
Ricky Mabe: Barry
Justin Long: Brandon
Brandon Routh: Bobby Long
Tom Savini: Jenkins
Tisha Campbell-Martin: Mrs. Delaney

Doppiatori italiani:
Gianfranco Miranda: Zack Brown
Barbara De Bortoli: Miriam "Miri" Linky
Franco Mannella: Delaney
Massimiliano Alto: Lester
Alessandro Quarta: Deacon
Claudia Pittelli: Stacey
Chiara Colizzi: Bubbles
Davide Perino: Barry
Andrea Lavagnino: Bobby Long
Simone D'Andrea: Brandon
Eugenio Marinelli: Jenkins
Claudia Razzi: Mrs. Delaney

Denny B.


7 commenti:

  1. oh, bene, l'hai recuperato! :)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo anche questo.
    E intramontabile il timone olandese. ;)

    RispondiElimina
  3. A me invece ha lasciato abbastanza freddo. bella l'idea, ma gli manca qualcosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel "tre mesi dopo" è un po' troppo improbabile, forse è quello che lo rende manchevole di una continuità logica, non so se mi spiego.

      Elimina